Tagliatelle pasta fresca fatta in casa

Come preparare la pasta fresca fatta in casa

La pasta fresca fatta in casa attira tutte le gole e i palati. Spesso, però, ci si ferma davanti alla preparazione che, per chi non è abituato, può incutere un po’ di timore, ma non c’è nulla di più facile.

Presentare un piatto con la pasta fatta con le proprie mani, regala sicuramente delle grandi soddisfazioni. Se avete paura di non riuscire nel vostro intento, leggete queste righe e pici, fettuccine, strangozzi, cannelloni, lasagne e tortelli non avranno più nessun segreto per voi.

Come fare la pasta fresca

Per ottenere un impasto perfetto, senza grumi, omogeneo e senza fatica ricorrete al robot da cucina per impastare! Voi metterete gli ingredienti e lui penserà a tutto il resto. Se possedete anche la macchina per stendere la pasta o il robot munito di trafila, siete a cavallo e in un batter d’occhio metterete a tavola piatti stupendi.

La pasta sfoglia può essere suddivisa in quattro tipi:

  • Pasta sfoglia a base di uova e farina (per intenderci la tipica sfoglia emiliana). È adatta per la preparazione di tagliolini, tagliatelle, tortelli, tortellacci, pappardelle, anolini, tortellini e cappelletti.
  • Sfoglia verde. Si ottiene con l’aggiunta di purea di spinaci alle uova e alla farina Alcuni sostituiscono gli spinaci con le ortiche. Questo impasto è utilizzato per le classiche lasagne, i tortelloni verdi, paglia e fieno, ravioli, tagliatelle e tagliolini.
  • Impasto con uova farina e acqua. Questa versione di sfoglia è utilizzata, in particolare, nel centro e nel sud Italia. Con questa pasta si confezionano maccheroncini alla chitarra, fettuccine, ravioli genovesi e tanti altri formati.
  • Impasto farina e acqua. L’uovo qui viene completamente estromesso e si utilizza per la preparazione di pici, orecchiette, malloreddus, e tante specialità del sud. Sono tipi di pasta che si sposano bene con sughi corposi e saporiti.

Incominciamo a impastare

Se non avete a disposizione un robot da cucina, dovete procedere in questo modo:

  • Mettete la farina a fontana sulla spianatoia;
  • Fate un buco al centro e mettete le uova (se sono previste nell’impasto);
  • Con una forchetta sbattete leggermente le uova, inglobando pian piano la farina che si trova sui bordi;
  • Se il vostro impasto prevede la verdura (per la pasta verde) aggiungetela ora;
  • Incominciate a impastare con le mani e continuate fino a ottenere un impasto elastico e omogeneo;
  • Lavorate per circa 15 minuti ruotando costantemente l’impasto in senso orario;
  • Avvolgete la pasta nella pellicola e lasciatela riposare per almeno mezz’ora!

Stiriamo la pasta

Se utilizzate la macchina per tirare la pasta, dovete tagliare dei pezzi e passarli nei rulli che andranno stretti sempre di più, fino a ottenere lo spessore desiderato. Se si stende a mano, ci si deve munire di mattarello, spianatoia e buona volontà.

Spolverare la spianatoia con la farina, in modo che, durante la lavorazione, la pasta non si attacchi alla base. Ponete la palla di pasta al centro e incominciate a “stirarla” col mattarello. I movimenti devono andare sempre dal centro verso l’alto e i lati. Girate in senso orario per farle prendere la forma tonda. Capovolgete spesso la sfoglia aiutandovi, se ci riuscite, con il mattarello. Una volta raggiungo lo spessore desiderato, basterà tagliarla nel formato che si preferisce.

A questo punto non resta che mettere l’acqua a bollire, e la pasta è pronta!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *