Pagamento con POS

Pos, da oggi obbligatorio per pagare oltre 30 euro

Da oggi diventa obbligatorio per i professionisti e artigiani, offrire la possibilità di pagare con il POS bancomat. Una vera e propria rivoluzione quella che scatta a partire da oggi in tutta Italia e che sta scatenando polemiche e proteste.
In pratica ogni professionista o artigiano dovrà dotarsi di POS per consentire al cliente che ne fa richiesta, la possibilità di saldare la parcella con un bancomat.
Uno strumento di pagamento in più ma anche un modo non aggirabile per verificare ogni pagamento ed ogni operazione. Difficile riuscire a “nascondere” al fisco quanto si guadagna realmente.
Un obbligo che, al momento, non prevede sanzione ma che, come fanno notare le Associazioni di Tutela del Consumatore, consente al cliente di rifiutare il pagamento immediato della prestazione all’artigiano o al professionista che non sono dotati del Pos.
In pratica, se l’idraulico o l’elettricista non hanno il Pos, al momento di pagare per la loro prestazione, il cliente può rifiutarsi e pretendere il pagamento posticipato.
Sembra questo il principale “deterrente” all’aggiramento della norma. In tempi di crisi posticipare il pagamento può significare, per l’artigiano, un possibile mancato pagamento e l’avvio di una lunga trafila per ottenere il denaro pattuito. Meglio dunque avere con sè il POS.
Un’apparecchiatura relativamente semplice ma che ha costi di gestione “paurosi” e che ricadranno quasi certamente sui Consumatori. Per questo motivo le associazioni di categoria chiedono al Governo di intervenire sulle Banche perchè abbassino i costi per queste apparecchiature.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *